La villa intestata alla società Sedibel del ministro della Giustizia, Paola Severino, è stretta tra le mura aureliane divise da due porte romane: Porta San Sebastiano e Porta Latina. La dimora, tanto è estesa, ha due ingressi.

Un cancello in ferro battuto protegge un viale che si estende per decine di metri e che conduce a un comprensorio che comprende residenze milionarie. Telecamere e cartelli segnalano “videosorveglianza”. L’oasi per straricchi è impenetrabile con siepi e mura di protezione. Al citofono della Sedibel nessuno risponde, ci sono ben 4 interni intestati alla società, uno di questi è per la dépendance del custode.

Si intravede, da uno scorcio del parco pubblico, una magione stupenda con fregi, decori e cortina di pregio. I citofoni delle ville private sono a combinazione elettronica, nessuno ha stampati i cognomi dei fortunati che vi abitano. Filari di pini, cipressi, alberi di banano e tanti, tantissimi pappagalli verdi.

Un residente che esce da un ristorante della zona ci fa notare: “Osservate i muri di queste ville private, sono un impasto di frammenti antichi, pezzi di colonne romane, rilievi in marmo, statue, status symbol solo per ricchi, spesso anche imitazioni”. Proprio come quella che fa parte del comprensorio dove c’è la proprietà della Sedibel.

Il Fatto Quotidiano, 24 febbraio 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

C’era una volta l’educazione

next
Articolo Successivo

Sogno uno Stato devaticanizzato

next