Dopo mesi di mancate risposte, appelli vani e iniziative di lotta da parte dei lavoratori, il caso Maserati arriva sul tavolo del Governo, in particolare sulla “scrivania” del ministero dello sviluppo economico di Corrado Passera. A comunicarlo è l’assessore alle attività produttive della Regione Emilia Romagna, Gian Carlo Muzzarelli, rispondendo all’interrogazione dei consiglieri regionali Palma Costi, Stefano Bonaccini e Luciano Vecchi.

I tre consiglieri chiedevano alla giunta regionale, infatti, un intervento urgente per fare chiarezza sul futuro dello stabilimento modenese, a causa della mancanza di risposte chiare da parte dei vertici aziendali sulle prospettive del polo produttivo emiliano e dopo l’annuncio a mezzo stampa che la produzione del nuovo Suv Maserati sarebbe stata affidata allo stabilimento Jefferson North di Detroit.

“Vista la preoccupante incertezza della situazione – afferma Muzzarelli – e l’assenza di risposte, la giunta ha deciso di chiamare in causa il Governo e il presidente Errani, in due successive lettere al ministro dello Sviluppo economico, ha segnalato il problema Fiat – Maserati tra i nodi da sciogliere insieme al Governo al fine del rilancio di una seria politica industriale per lo sviluppo e l’occupazione”.

Ora le speranze dei 700 operai modenesi sono tutte nelle mani del ministro “tecnico” Passera, affinché la Maserati, storico marchio modenese, continui a sventolare la bandiera del made in Modena. Il rischio di una possibile chiusura o, nella migliore delle ipotesi, di ridimensionamento, infatti, si aggira entro i corridoio della fabbrica di viale Ciro Menotti, a Modena, da circa due anni, per la mancanza di un piano produttivo che stabilisca quali saranno i nuovi modelli da produrre e quali gli investimenti a medio – lungo termine.

Il Suv Maserati d’oltreoceano, infatti, è una vettura di lusso e se i nuovi modelli non arriveranno anche in quel di Modena, probabilmente – è la preoccupazione espressa a più riprese dai lavoratori e sindacalisti – nel giro di pochi anni la produzione modenese sarà destinata a spegnersi gradualmente.

A questo si aggiunge l’investimento effettuato dalla casa automobilistica sabauda in quel di Grugliasco (Torino), nello stabilimento ex Bertone, dove verrà prodotto il Maseratino, vettura del segmento E.

Insomma Torino o Detroit poco importa, quello che conta per i lavoratori modenesi è che le vetture costruite a Modena hanno un anno di più. Da qui il timore di operai e sindacalisti che il 2012 sarà un anno di svolta, si spera non in senso negativo.

L’incontro richiesto dal presidente dell’Emilia Romagna Vasco Errani al ministro Passera, dunque, dovrebbe avvenire a breve termine. “Il ministro Passera – conclude l’assessore Muzzarelli – è stato invitato a partecipare alla discussione del piano delle attività produttive della Regione e l’appuntamento, che si terrà in data da concordare con il ministro, sarà anche l’occasione per esaminare congiuntamente la situazione Maserati ed assumere le opportune iniziative”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La corte dei conti: “Troppe consulenze, così i Comuni sprecano denaro pubblico”

prev
Articolo Successivo

Crolli, tetti sfondati e sfollati: la Valmarecchia in ginocchio dopo le nevicate (gallery)

next