In Germania a stravolgere il settore dei taxi non è un programma governativo di liberalizzazioni bensì un’applicazione per smartphone. E a mandare su tutte le furie le classiche centrali dei radiotaxi, quelle che da decenni raccolgono le telefonate dei clienti e le smistano ai tassisti. Il programma myTaxi, sviluppato da una start-up di Amburgo, cancella di fatto il passaggio intermedio, mettendo in comunicazione diretta chi siede al volante e chi ha bisogno di raggiungere al più presto la stazione o il posto di lavoro e rompendo così, di fatto, il quasi-monopolio delle centrali dei radiotaxi: una volta scaricato sull’iPhone o su un cellulare Android, il software riconosce la propria posizione tramite Gps, segnala i tassisti presenti in zona e consente di contattarli con un click. Nell’attesa, è possibile seguire in tempo reale sullo schermo l’avvicinarsi del taxi. Per ogni ordine ricevuto i tassisti che partecipano al sistema pagano 79 centesimi agli sviluppatori di myTaxi. A titolo di paragone: oggi versano alle centrali dei taxi un contributo mensile compreso tra 100 e 700 euro, a seconda delle città. Così, complice anche il passaparola, myTaxi è cresciuta rapidamente, arrivando a contare 7mila tassisti registrati in 30 città tedesche, più Vienna e Zurigo, ed è stata scaricata da oltre 800mila utenti.

Numeri che hanno finito per attirare l’attenzione di Daimler, che, attraverso la sua controllata del car sharing Car2go, ha investito insieme a Deutsche Telekom e al fondatore del social network XING Lars Hinrichs circa dieci milioni di euro in Intelligent Apps, la start-up che ha creato l’applicazione. Capitali freschi che verranno usati per rafforzare la presenza di myTaxi all’estero, a partire da Barcellona. L’ingresso della casa-madre di Mercedes in Intelligent Apps non è però andato giù all’associazione tedesca dei taxi BZP, che si è sentita tradita e ha scritto una lettera di fuoco al numero uno di Daimler Dieter Zetsche. Per capire il tono basta leggere l’introduzione: “Schiumiamo di rabbia e e di delusione!”. In Germania, infatti, “Daimler” è sinonimo di “Taxi”: due terzi di tutte le auto color avorio chiaro che circolano sulle strade tedesche hanno sul cofano la stella a tre punte di Mercedes. E, di queste, circa il 70% sono delle Classe E, la berlina di punta della casa di Stoccarda.

“Siamo i Suoi clienti più fedeli”, protesta l’associazione all’indirizzo di Zetsche, invocando a gran voce una replica. Alcune centrali dei taxi si sono spinte oltre e hanno esercitato forti pressioni sui tassisti, affinché non scaricassero l’applicazione sul loro smartphone. Altre hanno impedito loro di far pubblicità a myTaxi sulla carrozzeria della loro auto. Altre ancora hanno posto i tassisti convenzionati davanti una scelta: o noi, o myTaxi. Alla fine, dopo aver provato in tutti i modi a bloccare l’app, l’associazione tedesca dei taxi ha deciso di dar battaglia alla start-up di Amburgo in un altro modo: lanciando una propria app per smartphone: Taxi.eu. Che riprende di fatto l’idea di myTaxi, ma taglia il contatto diretto tra cliente e tassista: chi usa l’applicazione viene reindirizzato alla centrale dei taxi. Il software, disponibile in otto Paesi europei, può contare in Germania su 21.000 tassisti ed è stato scaricato circa 400mila volte. Nel frattempo negli uffici della BZP è arrivata la tanto attesa risposta di Daimler. E non rispecchia affatto quello che i tassisti si attendevano. Prendere tempo, al momento, anche per valutare come si espanderà l’applicazione, sembra essere la filosofia adottata. La questione rimane dunque sospesa. E almeno per il momento è ancora possibile trovare un taxi con un click sul telefonino.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Questo messaggio si autodistruggerà”: è tempo delle informazioni usa e getta

next
Articolo Successivo

Microsoft in cerca di rilancio cambia il logo di Windows

next