Dopo gli arresti di due settimane fa i notav si danno appuntamento davanti al carcere di Torino, dove sono detenuti 6 attivisti, accusati di aver fomentato gli scontri con le forze dell’ordine nelle manifestazioni estive in Val di Susa. Presenti i parenti di alcuni degli attivisti in detenzione amministrativa. Il concerto per mostrare solidarietà agli arrestati, nonostante il gelo e la neve, ha attirato centinaia di notav tra cui Lele Rizzo, del centro sociale Askatasuna: “Stanno cercando di divirderci e spaventarci”. Altri manifestanti gli fanno eco: “Stanno provando a dividerci tra buoni e cattivi, ma non ce la faranno, perché questo movimento è diverso e loro non l’hanno ancora capito”. di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, spazzaneve abbandonati e scoppia la polemica

next
Articolo Successivo

Camila Vallejo, simbolo della ribellione studentesca

next