Un boato, poi la paura. Le immagini della Costa Concordia inclinata su un fianco sono ancora fresche nella memoria, anche in quella di quasi trecento persone che ieri sera si sono imbarcate sul traghetto della Tirrenia “Sharden”, quando hanno sentito un forte rumore, quello dello scafo contro la banchina: uno squarcio di trenta metri sopra la linea di galleggiamento. Passeggeri ed equipaggio sono stati messi in salvo e la nave posta in sicurezza, ma la paura a bordo è stata tanta.

Sono da poco passate le 22.30 quando l’imbarcazione comincia le manovre per lasciare il porto di Civitavecchia in direzione di Olbia. Passano tre quarti d’ora ed un boato fa saltare in aria i passeggeri del traghetto, molti in cabina, altri sulle poltroncine. La nave, complice il forte vento e la burrasca di neve, urta la diga foranea all’altezza del fanale verde. Immediato l’intervento della Guardia Costiera che mette subito in sicurezza il traghetto tranquillizzando i passeggeri. “State tranquilli, rientrate in cabina”, le indicazioni a bordo. Qualche ora dopo cominciano le operazioni di evacuazione dell’imbarcazione, grazie anche all’aiuto dei vigili del fuoco impegnati nella rimozione delle bitte che ostruivano il portellone di apertura. I 262 passeggeri sono stati portati su un’altra nave, ma dovranno attendere ancora qualche ora prima di prendere il largo. “Abbiamo lasciato le auto sulla nave, ci hanno detto che ce le faranno ritrovare in Sardegna, speriamo bene”, dice uno dei passeggeri mentre si prepara a lasciare la “Sharden”.

“Abbiamo sentito un rumore fortissimo, un boato, come se si fosse sganciato un camion – racconta uno dei passeggeri -. Sono uscito dalla cabina e ho raggiunto il ponte, da dove mi sono affacciato. Ho visto la nave che è praticamente salita su un dente della banchina, provocando uno squarcio”. La causa dell’incidente, secondo fonti portuali, è il forte vento che ha sferzato la città portuale e tutta la Regione, oltre ad una violenta burrasca di neve che in quel momento stava creando disagi nel porto, lo stesso dal quale il 13 gennaio salpò la tragica crociera della Costa Concordia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Abusi sui minori: il Vaticano va al rendiconto
Per la prima volta un convegno sulla pedofilia

prev
Articolo Successivo

Roma nel caos, Alemanno se la prende con la Protezione Civile e chiede aiuto ai cittadini

next