L’Ici  sulle attività commerciali della Chiesa è “un punto importante che stiamo approfondendo e siamo piuttosto avanti”. Così come sarà discusso l’articolo 18, “che allontana gli investimenti”, mentre sulla monotonia del posto fisso “c’è stato un equivoco”. Un’intervento a tutto tondo di Mario Monti, intervistato da Repubblica. “Mi è dispiaciuto se con quella frase ho colpito la sensibilità di qualcuno ma per fortuna la comunicazione continua e se si dicono frasi sbagliate è possibile chiarire”, si è scusato il premier per la dichiarazione sulla monotonia del posto fisso che ha scatenato numerose polemiche e critiche. Per quanto riguarda gli interventi al mercato del lavoro, ha aggiunto Monti,  “non so dire adesso se entro la fine di marzo, che è la scadenza che ci siamo dati” per i primi provvedimenti, “sia essenziale la modifica dell’articolo 18 o no, perché” la riforma del mercato del lavoro “è un mosaico fatto di tante tessere, ma non sarebbe utile precludersi da una parte e dall’altra” le diverse strade, “ogni tessera del mosaico deve essere considerata”.

Il premier ha poi aperto sulla Tobin tax: “Ho l’impressione che questa sia la volta buona”, ha detto. Perché “a differenza del governo precedente, che era contrario, questo è propenso all’introduzione di una tassa sulle transazioni”. Nuovamente, il presidente del Consiglio paragona la tassa sulle transazioni finanziarie “al mostro di Lochness, espressione autenticata dallo stesso Tobin per dire che entra e poi esce nel dibattito: questa – dice allora Monti – ho l’impressione che possa essere la volta buona perché la dimensione delle transazioni finanziare è stata così importante, così ingente, da far avvertire da più parti la necessità di disciplinare le transazioni e chiamare il sistema finanziario, che oltre ha tanto bene ha fatto anche tanti guai, a contribuire al risanamento”, ha aggiunto.

”Non tocca dire a me se il mio governo ha un cuore buono, ma invito gli italiani a tener conto che se l’Italia è ridotta un po’ male è perché i governi italiani per decenni hanno avuto il cuore troppo buono, diffondendo buonismo sociale” coprendolo con il debito a danno dei giovani d’oggi, ha detto il premier.  Monti, ha comunque rifiutato l’etichetta di “aridità” che alcuni partecipanti al forum volevano affibbiare al suo governo spiegando che c’è attenzione per il sociale. “Abbiamo il cuore buono – spiega – ma l’avere il cuore buono significa anche pensare bene alle decisioni che si prendono quando queste pesano come piombo su chi viene dopo di noi. E un governo non politico come il nostro – ha aggiunto – ha anche il compito di spiegare che pur se sgradevoli le cose fatte servono a equilibrare le cose”. E Monti, in particolare, si riferisce a quelle cose che “dagli anni ’70 e poi ’80 e ’90” sono state finanziate creando un disavanzo a due cifre su cui “non c’è stato neppure un dibattito; su cui non c’era neanche consapevolezza: i governi di allora, molto politici avevano un cuore molto esuberante e dicevano sì ad ogni istanza creando disavanzo e debito. Ma se la società si appagava per la generosità verso i più deboli, il debito creato si riversava su persone che allora non votavano o che sarebbero nate solo 20-30 anni dopo: i giovani di oggi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

LA PROFEZIA DEL DON

di Don Gallo e Loris Mazzetti 12€ Acquista
Articolo Precedente

Silvio Berlusconi al Financial Times: “Basta politica attiva, mai più candidato premier”

next
Articolo Successivo

Se Rutelli era giapponese faceva harakiri

next