Ma cosa vuole Occupy? Dopo i fatti di Bologna risulta ancora più difficile capirlo. Abbiamo tutti visto nascere il movimento degli Indignados sull’esempio delle primavere arabe. L’abbiamo visto crescere, sbarcare oltre oceano, puntare il dito contro corruzione e follie criminali della finanza, raccogliere simpatie e consensi. Ma una proposta seria e articolata ancora non è arrivata.

Dopo la ferita di San Giovanni a Roma, oggi a Bologna gli “Occupy” sono andati a contestare Napolitano: “Anche lui responsabile dei diktat Ue” dicono. A me una contestazione del genere suona fuori dalla realtà: come accusare il ministro dell’ambiente per i temporali, o Greenpeace per non aver impedito il riscaldamento globale. Agli Occupy italiani – l’hanno detto più volte – non interessa il debito, il bilancio, la serietà di un Paese, la ripresa economica. Vogliono i default, loro. Controllato o meno. Eppure temo che con il default papà e mamma non avrebbero più un soldo per assicurare gli studi a Bologna, contestazione al presidente della Repubblica inclusa.

E dire che una battaglia ci sarebbe da innalzare come bandiera: è lì sotto gli occhi di tutti. È la Tobin Tax, una tassa sulle transazioni finanziarie che taglierebbe le gambe alla speculazione. Il tema lo lanciò dieci anni fa il movimento no global – di cui mi onoro di aver fatto parte. Allora sembrava una follia, tutti dicevano che era infattibile. Oggi su questo tema gli “indignatos” si fanno scavalcare dal simbolo della destra europea, Nicolas Sarkozy, che lo propone anche solo per la Francia. Eppure la Tobin è una proposta politica seria, ragionevole, che può diventare realtà solo con un sostegno politico collettivo e globale. Invece no. Occupy non ne parla. Contesta Napolitano.

Certo, ognuno avanza le proposte politiche che vuole. Si può dire “facciamo default che non ci sono i poteri buoni e ridiamo tutto al popolo e non ai poteri forti”. Come si può dire “la soluzione è l’amore libero, portiamo la Giamaica nel resto del mondo e aboliamo ogni autorità”. Le cose sono più complesse però. E il ninety-nine per cent della popolazione mondiale è gente che vorrebbe anche proposte serie.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’amnesia del Pd in aiuto del comandante B.

prev
Articolo Successivo

La democrazia e la violenza

next