Quattro persone sono agli arresti domiciliari e altre dieci hanno l’obbligo di firma per gli scontri con la polizia avvenuti a Modena il 28 ottobre scorso in occasione di un convegno di Fiamma Tricolore all’hotel Europa per celebrare l’anniversario della marcia su Roma, in corso Vittorio Emanuele. Le misure cautelari sono state emesse dal Gip Domenico Truppa a seguito delle indagini coordinate dal sostituto procuratore Lucia Musti e hanno colpito giovani esponenti dello Spazio Antagonista Occupato Guernica, residenti a Modena, che si erano opposti al convegno.

Una vetrina dell’hotel era stata sfondata e si era ferita una dirigente della Digos di Modena. Ai quattro esponenti ai domiciliari il Gip ha vietato l’uso di internet per evitare contatti eventuali con movimenti estremisti. Gli autori dell’assalto sono stati identificati anche grazie a filmati di video sorveglianza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Posti esauriti per la cerimonia di Napolitano. E i consiglieri comunali restano fuori

prev
Articolo Successivo

La figlia di Aldo Moro: “Reintegriamo i brigatisti, hanno già pagato i loro sbagli”

next