E’ morto per un malore il procuratore aggiunto Pietro Saviotti, capo del pool anti-terrorismo della Procura della Repubblica di Roma. Tra le ultime indagini che Saviotti ha seguito quella all’attacco della camionetta della polizia da parte dei black-block durante la manifestazione degli indignati, svoltasi a Roma lo scorso 15 ottobre. Prima di Natale, aveva aperto un fascicolo in merito alla pubblicazione della black list riportata sul forum del sito neonazista Stormfront. E si era occupato, anche,  delle inchieste sulle lettere minatorie indirizzate ai politici e sui sequestri delle navi italiane finite nelle mani dei pirati.

Il procuratore aggiunto aveva trascorso la giornata in Procura dove aveva partecipato a una riunione con il procuratore vicario Giancarlo Capaldo e gli altri sostituti. Saviotti sarebbe stato colto da un malore mentre lasciava piazzale Clodio. Inutili i soccorsi.

Il Presidente del Copasir, Massimo D’Alema, ha così espresso il suo cordoglio:”Sono colpito per l’improvvisa scomparsa del Dottor Saviotti, di cui il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica ha avuto modo di apprezzare, nel corso della propria attività, la serietà del lavoro e la dedizione al servizio dello Stato”. E un “profondo cordoglio” è stato espresso anche dal Presidente dell’unione camere penali, Valerio Spigarelli e dal capo della Polizia Antonio Manganelli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Villaggio e gli indignados sardi della domenica

prev
Articolo Successivo

La ‘ndrangheta nei cantieri sulla Statale ionica, arrestati manager di Condotte e Anas

next