In merito alle ricostruzioni del Wall Street Journal sulle presunte pressioni da parte di Angela Merkel su Napolitano per dare all’Italia un nuovo governo, già smentite sia dal Quirinale che da Berlino, Roberto Calderoli, della Lega Nord ha annunciato battaglia: “Alla prossima segreteria politica della Lega nord proporrò l’istituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta per ricostruire realmente i fatti e gli accadimenti che hanno portato alla fine del governo e alle dimissioni di Silvio Berlusconi. Le indiscrezioni pubblicate ieri sulla testata americana, sono inquietanti: il Quirinale ha smentito i contenuti e non avrebbe potuto fare diversamente perchè la vicenda avrebbe configurato un attentato alla Costituzione”.

E una smentita indiretta arriva anche dall’ex presidente Silvio Berlusconi che dichiara: “Ho lasciato il governo – ha dichiarato l’ex premier – senza essere sfiduciato, per senso di responsabilità e di sacrificio. Per fare l’interesse di tutti e sapendo che la causa della crisi non era il mio esecutivo ma l’euro: una moneta anomala che non ha alle spalle una banca centrale. Per questo l’Unione deve cambiare strategia e puntare non solo al rigore ma anche alla crescita”.

“Nonostante la manovra del governo dei professori – ha continuato Berlusconi – lo spread rimane a livelli elevati e la crisi economica continua a mordere. Risulta sempre piu’ evidente la vergogna di chi ha indicato il mio governo come l’unica causa di questa situazione. Noi avevamo fatto una manovra per tenere sotto controllo i conti pubblici ed avevamo avviato riforme strutturali importanti. Comunque – ha commentato ottimisticamente il premier del Pdl – anche questa volta ce la faremo, siamo un grande Paese e un grande popolo”.

E sul suo futuro ruolo in politica ribadisce: “Non lascio, ma resto in campo per dare sostegno a nuove generazioni di politici del Pdl e per portare il partito alla vittoria alle prossime elezioni”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bersani, Lombardo e i “ribelli” del Pd siciliano

prev
Articolo Successivo

Grigliate ‘elettorali’ per la Moratti
Nessuno ha mai pagato il conto

next