yearinhashtag#YearInHashtag è il progetto che raccoglie via Twitter le immagini dell’anno che si sta concludendo. Ma non è solo una raccolta di immagini è il respiro in presa diretta del corpo vivo della nostra società.

Sono immagini che ci raccontano come partecipare alla fine di un anno tosto mentre l’inizio di uno ancora più tosto incombe. L’importante è non stare ad aspettare che le pietre ci cadano in testa, ma godere e agire, ognuno nel proprio ambito. Come hanno fatto gli ideatori di  #YearInHashtag che stanno costruendo oggi quel che sarà il nostro modo di comunicare – e di fare giornalismo – di domani.  Si tratta di:

Claudia Vago, @tigella
Luca Alagna, @ezekiel
Marina Petrillo, @alaskaRP
Maximiliano Bianchi, @strelnik
Mehdi Tekaya, @mehditek

Guardando  queste immagini si intuisce un’atmosfera che sugli altri media non c’è: è il calore vitale che percorre i corpi e i desideri dei protagonisti quando i protagonisti sono le persone comuni. Quelli che erano in piazza Tahir, o alle manifestazioni italiane, londinesi, americane. E’ il racconto di chi c’è e non sta zitto. Di chi c’è e non aspetta. E lo fa grazie (anche) alla tecnologia, a Twitter in questo caso.

Anche se siamo quasi a Natale, e fuori è gelido, c’è un profumo di Primavera in queste immagini. E’ il profumo di un nuovo tipo di giornalismo che, forse, non è neppure il caso di chiamare così onde evitare confusioni e polemiche.

#YearInHashTag è solo l’inizio di un sentiero.
Un sentiero su cui molti s’incammineranno nel 2012.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gli e-books e gli indiani digitali

prev
Articolo Successivo

Punizioni, violenze sessuali e pestaggi: nella bufera il carcere minorile del Pratello

next