E continua la galleria di mostri, nonostante l’emergenza nazionale, europea, mondiale. Nonostante la buona borghesia competente sia tornata al governo scalzando l’armata stracciona dei famigli di Berlusconi. Eccone un altro: Franco Nicoli Cristiani. Un “cinghialone” imbottito di colazioni di lavoro e mazzette. Uno che sonnecchia nello svolgimento delle sue stipendiatissime mansioni, ma si sveglia quando deve difendere la Principessa Minetti dall’assalto dei reprobi, i mai abbastanza esecrati giornalisti. Uno che, come troppi, pur condannato (e prescritto) viene abilitato a proseguire la sua carriera, nel solco dell’indiscusso leader del degrado della politica.

È legittimo sperare che si faccia un po’ di pulizia? Stanare tutti i parassiti che vendono la cosa pubblica come se fosse roba loro, si gonfiano di stecche fino a passare il tonnellaggio di una portaerei e continuano a trafficare, nelle pieghe delle istituzioni, dove nessuno guarda e perciò nessuno vede, è possibile oppure no? Con che faccia si chiede ai cittadini di fare sacrifici quando questi ciccioni si ostinano a ingrassare a spese della collettività? La guardo, dottor Nicoli Cristiani, la giacca sbottonata, l’occhio metallizzato, il cipiglio da incazzato e, mi coglie, irresistibile, l’impulso di prenderla a sberle. Vendicherei i giornalisti minacciati. E non solo loro.

(Foto Lapresse)

Il Fatto Quotidiano, 2 dicembre 2011

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta, Alemanno scarica Morelli
Dopo averlo lanciato nella giunta Scopelliti

prev
Articolo Successivo

Da Crotone a Bordighera, la “guerra a bassa intensità” contro gli amministratori pubblici

next