“Mi sento penalizzato con questo stipendio, io faccio una vita da cani per essere additato alla Casta?! La vera Casta è quella che ci governa in questo momento”. Lo ha dichiarato a La Zanzara Michele Pisacane, l’onorevole del PID balzato agli onori delle cronache lo scorso mese, quando si è scoperto che sua moglie è consigliere regionale della Campania e, contemporaneamente, amministratrice delegata dell’Istituto per lo Sviluppo Agroalimentare. Sul doppio incarico della signora (che come ad ISA percepisce 140.000 euro lordi all’anno), Pisacane dichiara stizzito: “Non c’è nessuna incompatibilità. Il mio stipendio di questo mese è 4.412 euro. Per ascoltare gli elettori si hanno delle spese. E’ chiaro? Se io tornassi a fare la mia professione, porterei a casa molti più soldi netti di quelli che mi rimangono adesso!” Alla domanda di Cruciani sui 30 mila euro netti mensili che entrerebbero in casa Pisacane, il deputato ha replicato: “Se uno investe nella politica, questi soldi che io guadagno sono pochi! Cruciani, sarebbe il caso che interrompessimo la chiamata!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scampia, Napoli: da ex mercato a terra di nessuno

next
Articolo Successivo

Bersani: “Ha ragione Obama, non serve solo austerità”

next