Ribellarsi ai rifiuti come agli invasori nelle quattro giornate del 1943. E’ questo il senso delle “quattro giornate della raccolta differenziata”, un’iniziativa volta a sensibilizzare i cittadini sullo smaltimento corretto dei rifiuti. “Abbiamo trovato una situazione grave di emergenza – spiega Raphael Rossi, presidente di Asia – Siamo riusciti a uscirne, ma ora vogliamo il primato”. Gli ultimi dati sulla differenziata in città tracciano un quadro incoraggiante: la media è del 70% nei quartieri dove il ‘porta a porta’ è in funzione, e a breve dopo Scampia il servizio sarà esteso anche nella zona di Posillipo  di Katiuscia Laneri

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sgarbi all’attacco: “L’antimafia che ha potere è come la mafia”

next
Articolo Successivo

Blitz notturno a Saluggia. Partono i lavori del deposito delle scorie

next