Le dimissioni del premier Silvio Berlusconi per ora sono solo annunciate, ma a Bologna c’è già chi festeggia. A partire dai consiglieri regionali riuniti a viale Aldo Moro per l’assemblea, che armati di Ipad e cellulari sempre connessi hanno seguito le votazioni a Roma minuto per minuto. Al momento decisivo alcuni non son riusciti a trattenere l’emozione: “È andato sotto il governo!”.

La notizia ha fatto presto il giro dei banchi, mettendo in fibrillazione l’intera aula e costringendo il presidente dell’assemblea Matteo Richetti a richiamare i consiglieri come fanno gli insegnanti per riportare il silenzio in classe. “Chiedo scusa, ma c’è un po’ di emozione” si è giustificato il capogruppo del Pd Marco Monari, tra i sorrisi compiaciuti del democratici e gli sguardi torvi dei pidiellini. I festeggiamenti si sono poi spostati alla buvette, dove c’è chi giura aver visto stappare bottiglie di prosecco.

Dalla periferia al centro di Bologna, il crollo della maggioranza a Montecitorio tiene banco anche tra i bar e le vie intorno a Piazza Maggiore. Anche se in pochi sono sorpresi: “Mi aspettavo uno scossone già ieri – dice un giovane elettore di centrosinistra – ora l’alternativa c’è ed è un centrosinistra guidato da Nichi Vendola, appoggiato da una squadra forte”. Il nome del governatore della Puglia è sulla bocca di tanti. Ma c’è anche chi tira fuori l’ex premier Romano Prodi, ma “solo come tecnico”. E chi invece vede nella persona di Mario Monti l’autorevolezza giusta per traghettare l’Italia in un momento difficile come questo: “Serve un governo tecnico per riformare la legge elettorale e ridare così dignità agli elettori.”. Guidato da chi? “Mario Monti mi sembra la figura più seria”.

E se sui nomi non c’è accordo, l’ipotesi delle dimissioni del premier unisce tutti, elettori di destra e di centrosinistra. “Sarebbe onesto se si dimettesse subito” dice una signora correndo verso la fermata dell’autobus. “Spero che lasci nelle prossime ore, per poi andare a un periodo di transizione prima delle elezioni” spiega uno studente pugliese. “Se non ci sono i numeri è inutile fare inciuci – ammette con un pizzico di rassegnazione un elettore di centrodestra – il problema è trovare un altro nome: in questo momento sarebbe come fare sei all’Enalotto”. E qualcuno è anche più pessimista: “Dopo Berlusconi ci sarà il baratro – azzarda uno – Un’amministrazione guidata da Vendola, Bersani e Di Pietro non durerebbe neanche un anno”.

il video è di David Marceddu

Diventa sostenitore,
fai parte della redazione.
Abbiamo bisogno di te.

I nostri Sostenitori partecipano alle riunioni di redazione in diretta streaming, suggeriscono spunti e notizie, navigano il sito senza pubblicità, consultano gratuitamente l'archivio del giornale. Potranno inoltre accedere al numero di aprile di Fq Millennium e a Loft, la nostra piattaforma Tv, per 3 mesi. Hanno un blog dedicato per pubblicare le loro analisi. Insomma sono fondamentali per la nostra comunità. E in questo periodo di crisi lo sono anche per coprire economicamente parte del lavoro della nostra redazione. Diventa anche tu Sostenitore. Clicca qui. Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Berselli, ancora guerra contro il procuratore di Parma: “Sulla figlia ha detto il falso al Csm”

next
Articolo Successivo

L’ex assessore delle hot line lascia il Pdl: “Incastrato dai miei colleghi di partito”

next