Il cantautore Fabrizio Moro si racconta al fattoquotidiano.it. E spiega l’origine della canzone “Fermi con le mani” dedicata a Cucchi, pezzo di chiusura del documentario “148 Stefano, mostri dell’inerzia”. Il documentario (prodotto dal Fatto Quotidiano e da Ambra Group, regia di Maurizio Cartolano, colonna sonora di Riccardo Giagni) verrà proiettato stasera al Festival del Cinema di Roma.
Intervista di Silvia D’Onghia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Fermi con le mani”, Fabrizio Moro canta al Fatto Quotidiano

next
Articolo Successivo

Usura a Roma, la storia di Paola

next