Nel 2010 “il ritmo della crescita è andato rallentando nel corso dell’anno, attestandosi al +0,1% nel quarto trimestre (il Pil era aumentato dello 0,3% e dello 0,5% nei trimestri precedenti), al di sotto del risultato medio registrato nell’area Euro (0,3%).”.

Nel complesso la produzione industriale è tornata a salire in confronto all’anno precedente, anche se con minor vigore rispetto alle altre economie dell’area.”

E’ questo il giudizio sull’economia italiana nel 2010 che Marina Berlusconi è costretta a mettere nero su bianco nella relazione al Bilancio Mondadori (cfr. pag. 44, “L’economia italiana”).

Nessuna novità o scoperta sensazionale e, anzi, solo la conferma di una situazione sfortunatamente ormai sotto gli occhi di tutti, ma leggere certe prese d’atto da parte della figlia prediletta del premier che per mesi ha continuato a ripetere che la situazione italiana non era peggiore di quella degli altri grandi d’Europa, fa un certo effetto.

Ma non basta.

Lady B. non nutre grandi speranze neppure per i prossimi anni, nei quali l’economia del Paese è, a suo giudizio – e purtroppo non solo suo – destinata a crescere meno che nel resto d’Europa.

Si legge, infatti, nella stessa relazione al Bilancio della Mondadori, a firma di Marina Berlusconi che “in termini prospettici è atteso il mantenimento di un ritmo di crescita contenuto attorno all’1% per il 2011 e il 2012, al di sotto dei valori medi Ue.”.

Se persino la figlia più vicina al Cavaliere ha ormai perso ogni speranza nella possibilità che il padre realizzi i miracoli dei quali continua a parlare ed è costretta ad ammettere che resteremo la cenerentola nell’economia europea, evidentemente la situazione è davvero disperata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Borse in calo, spread alle stelle. Il capo economista Ocse: “Non scherzare con il fuoco”

prev
Articolo Successivo

A come Alitalia.
A come Antitrust?

next