“In realtà Gheddafi è morto il 17 febbraio scorso, quando il popolo libico ha detto: ‘Non ti vogliamo più'”. E’ quanto dichiara alla stampa Muammar Gheddafi, l’ambasciatore libico a Roma, Abdul Hafed Gaddur. “E’ una grande notizia per la Libia” e aggiunge “i rivoluzionari del Cnt hanno avvistato un convoglio di 7 macchine diretto da Sirte verso il sud della Libia. Quindi, hanno puntato il fuoco sui veicoli quando la terza vettura, una Toyota Corolla verde ha fatto una deviazione, seguita a ruota dalla quinta auto del convoglio. Le due vetture – continua – sono state subito bloccate dai rivoltosi. E’ all’interno della Toyota verde che si trovava il colonnello Gheddafi che, una volta circondato, è sceso dall’auto ma è stato colpito dai proiettili degli insorti alle gambe, all’addome e alla testa durante una sparatoria ingaggiata con le guardie del rais. Ferito e sanguinante Gheddafi è stato soccorso e caricato su una macchina in direzione dell’ospedale di Misurata. Ma è morto – conclude Gaddur – durante il tragitto”.
Video di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gheddafi, Citati: “Col Rais, seppelliamo verità scomode”

next
Articolo Successivo

Morte del Raìs, l’ambasciata libica di Tunisi

next