“In realtà Gheddafi è morto il 17 febbraio scorso, quando il popolo libico ha detto: ‘Non ti vogliamo più'”. E’ quanto dichiara alla stampa Muammar Gheddafi, l’ambasciatore libico a Roma, Abdul Hafed Gaddur. “E’ una grande notizia per la Libia” e aggiunge “i rivoluzionari del Cnt hanno avvistato un convoglio di 7 macchine diretto da Sirte verso il sud della Libia. Quindi, hanno puntato il fuoco sui veicoli quando la terza vettura, una Toyota Corolla verde ha fatto una deviazione, seguita a ruota dalla quinta auto del convoglio. Le due vetture – continua – sono state subito bloccate dai rivoltosi. E’ all’interno della Toyota verde che si trovava il colonnello Gheddafi che, una volta circondato, è sceso dall’auto ma è stato colpito dai proiettili degli insorti alle gambe, all’addome e alla testa durante una sparatoria ingaggiata con le guardie del rais. Ferito e sanguinante Gheddafi è stato soccorso e caricato su una macchina in direzione dell’ospedale di Misurata. Ma è morto – conclude Gaddur – durante il tragitto”.
Video di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gheddafi, Citati: “Col Rais, seppelliamo verità scomode”

prev
Articolo Successivo

Morte del Raìs, l’ambasciata libica di Tunisi

next