Il presidente yemenita, Ali Abdallah Saleh, ha affermato oggi che “lascerà il potere nei prossimi giorni”. “Rifiuto il potere e continuerò a rifiutarlo, e lascerò il potere nei prossimi giorni”, ha detto Saleh in un discorso alla tv di Stato. Le sue dichiarazioni arrivano il giorno dopo la consegna del Nobel per la Pace a Tawakkul Karman, l’attivista per i diritti civili che ha svolto un ruolo di primo piano nelle rivolte in corso nello Yemen da gennaio per chiedere la fine della presidenza di Saleh, al potere da 33 anni.

Oggi un gruppo di religiosi musulmani yemeniti aveva rivolto un appello a Saleh affinché provvedesse “rapidamente” al trasferimento dei poteri per mettere fine allo spargimento di sangue nel Paese. “Il mantenimento del potere da parte del presidente Saleh potrebbe fornire un pretesto a un intervento esterno nel Paese e a una internazionalizzazione del problema dello Yemen”, hanno detto gli imam in una richiesta congiunta. Una richiesta evidentemente ascoltata dal presidente.

I religiosi avevano anche chiesto alle forze di sicurezza ed esercito di non adempiere agli ordini di sparare sui manifestanti anti-governativi. Saleh ha ribadito più volte l’impegno a rispettare un accordo raggiunto tramite la mediazione del Consiglio di cooperazione del Golfo per la transizione pacifica del potere, ma i suoi avversari ritengono debba ancora compiere passi tangibili per giungere alla firma del testo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Accordo su autonomie e sicurezza, Belgio verso un nuovo governo. Dopo 482 giorni

prev
Articolo Successivo

“Se Berlusconi non si dimette mi incateno” L’ultimatum dell’emigrante di successo

next