Si è chiusa a Torino la due giorni di incontri, organizzata da Libera, sul tema delle Mafie al Nord. 500 partecipanti e 45 relatori si sono interrogati sul fenomeno mafioso nel nord Italia. Il ricco parterre é stato coordinato da Don Luigi Ciotti, presidente di Libera, che parlando dei clan nelle regioni settentrionali spiega: “Certamente non sono più solo una presenza, ma hanno un radicamento. È una mafia molto liquida, penetrante nel sistema”. Tra i relatori in molti fanno accenno alla riforma del Codice Antimafia come a un’occasione persa. Ancora più duro il Procuratore Caselli sulle intercettazioni: “Invece di 100 di delinquenti, con la riforma, se ne prenderanno solo più 50”. Di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ricucire l’Italia, le voci della piazza

next
Articolo Successivo

L’altra Scampia, raccontata in un libro

next