Vignetta "Radical Jobs" di Emanuele FucecchiNon era Leonardo. Sappiamo che la vera genialità di Steve Jobs è stata mettere insieme buoni prodotti commerciali e una persuasiva brand identity. La chiave del successo, vestire e identificare il cliente vendendogli l’illusione dell’originalità. Quello che vorrebbero fare tutte le “marche”. E come accade tra un prodotto da supermercato rispetto a uno firmato, sappiamo che spesso la differenza tra un non-Apple e un I-product è nel surplus comunicativo.

Mi sembra tuttavia più interessante collocare meglio l’azienda di Cupertino nel nostro immaginario, cercando di arrivare fino al posizionamento politico del consumatore-tipo. I prodotti Apple sono sempre stati ritenuti simbolo di creatività e diversità. Valori tendenzialmente di “sinistra”. E’ curioso che questo faccia a pugni con il marketing selvaggio, la pubblicità implacabile e la commercializzazione coatta. Ingredienti di successo che Steve usava al massimo grado e con intelligenza unica, demonizzati invece in ambito progressista.

Questo conflitto culturale, valori di sinistra versus consumo di massa è forse una faglia che attraversa tutto il radical internazionale. Ma in Italia si declina in modo capillare. Arriva a segnare la distanza tra i consumi del popolo e quelli delle élite, tra negozio local e centro commerciale. Conosco persone di sinistra che hanno mobili Ikea e negano di esserci stati perchè se ne vergognano. O autori Mediaset di sinistra che non guarderebbero mai i prodotti che scrivono. Nel Partito democratico, ad esempio, questo corto circuito provoca schizofreniche campagne comunicative, tristemente mistiche (Bersani e il suo “oltre”), oppure ottusamente piacione (l’ultima gonna della festa dell’Unità a Roma).

In realtà, forse, l’omogeneizzazione culturale e commerciale è un fenomeno con aspetti deprecabili ma ha caratteri sicuramente più di sinistra che di destra. Indica un accesso generalizzato ed egualitario a beni e saperi. Pesa indubbiamente il fatto che in Italia i più grandi fenomeni di massa siano stati prima il fascismo e poi la tv berlusconiana. Agli oppositori è rimasto un Aventino permanente dalla realtà. La sinistra insegue da sempre una rivoluzione mancata di cui si è costretti in eterno a immaginare, un dover essere che distanzia dall’esistente.

Certo, forse sognare quello che non c’è è per sua stessa essenza progressista. Qui da noi però, senza vera alternanza, si è cristallizzato in un atteggiamento morale ed estetico prima che politico. E siccome i progressisti, pur non avendo mai avuto davvero in mano lo scettro, il potere l’hanno assai praticato, è diventato stile di vita upper class. E’ volgare e sfigato usare Windows e pascolare all’outlet. Ormai solo il mercato, l’ultima pilastro culturale occidentale, può davvero convertirci: il mio ultimo Mac non l’ho comprato in un Apple store, ma in un supermercataccio dell’elettronica, sicuramente di destra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Neutrini, Supernovae e premi Nobel

next
Articolo Successivo

Danno biologico da gnocca

next