C’è chi corre in macchina. Perché ha fretta. Per far cantare il motore di una macchina costosa. Per sognarsi potente e virile. E c’è chi corre a piedi. Per mantenersi sano. Per far cantare il sangue nelle vene. Per scaricare la tensione, per riflettere, per sognarsi parte della natura. Alison correva a piedi. L’ha travolta uno (o una?) che correva in macchina. Quello che correva in macchina non si è fermato, dopo averla colpita in pieno. Ha sentito l’urto della lamiera contro la pelle nuda. Ha visto il corpo che volava via leggero, troppo leggero, e atterrava, in uno sfarfallio di capelli biondi, a faccia in giù in un canale, al di là del guard-rail.

Aveva la matematica certezza di averle fatto molto male. Non aveva, non poteva avere, la matematica certezza di averla uccisa. È stato un delitto, quindi, non un incidente.

Ma non farà versare fiumi di parole, non mobiliterà i media di tutto il mondo, non ecciterà l’audience di Porta a Porta. La ragazza era giovane, bella e americana, (come la commentatissima Amanda, di cui presto, statene certi, leggeremo l’inevitabile best seller) ma non è implicata in festini estremi, non è vittima né carnefice nel piccolo teatro delle passioni. È morta come un gattino, come un topo, come un tasso, come un istrice. Uno di quegli animaletti che restano con le loro spoglie mortali, sui bordi delle strade di campagna. Nell’indifferenza generale.

Il Fatto Quotidiano, 7 ottobre 2011

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Primo cittadino?
No, velino

next
Articolo Successivo

Le impotenze dell’amore della razza maschia

next