Di “Libera” ormai c’è rimasta solo la scritta nell’intestazione. Su Radio Padania dopo il voto salva Milanese si è parlato persino di Ranieri e Mourinho pur di non lasciare i microfoni aperti ai militanti. Vietato dissentire dalle frequenze dell’emittente diretta dal consigliere di Milano Matteo Salvini e non ne è uscita bene la trasmissione Che aria tira iniziata con 20 minuti di ritardo, proseguita tra presunti problemi tecnici e tanta (più del solito) musica. Poi gli interventi dei direttori de Il Giorno e Italia Oggi ma sempre meno telefonate da casa. Alle 17.18 (un’ora dopo l’inizio previsto) solo Danilo da Cassano riesce ad infrangere il muro del silenzio e chiede: “Non è che il servilismo nel Pdl si è trasferito anche nella Lega dopo il voto di Milanese?”. Il conduttore non gradisce e lo saluta bruscamente. Duo ore dopo sulle note di Hotel California si parla di immigrati e Lampedusa.

Tramontato il canale radiofonico, i militanti leghisti non si arrendono e cercano altri modi per riferire la loro incazzatura. “Milanese è salvo, Maroni guaisce e scodinzola” rimbalza su Twitter. “E anche oggi la Lega ha scritto una bellissima pagina di qualunquismo. Servilismo opportunismo politico. Non più tardi di domenica urlavano Roma ladrona, secessione e oggi si comportano peggio dei famigerati democristiani” registra Facebook. La base non fa sconti al Senatùr, ai suoi del cerchio magico e neppure agli (ex) dissidenti maroniani. Gianluca Manzo: “Vergogna. Lega ladrona come Roma”. Alessando Bolzoni: “Milanese salvo, elettorato no”. E dalla pagina della Lega Nord di Sassuolo Tina riassume: “La Lega truffa i suoi elettori. Aveva promesso di mandare via i ladroni da Roma e invece li salva”. A buon intenditor…

Il Fatto Quotidiano, 23 settembre 2011

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Berlusconi e il pensiero telediretto

next
Articolo Successivo

Fede insulta Vendola:
ma chi è il “poveretto”?

next