Poco meno di novecento sindaci. Tanti sono quelli che hanno aderito alla manifestazione convocata dall’Anci stamattina a Milano per protestare contro i tagli per gli enti locali previsti dalla manovra del governo: si vedono tutti alle 11 all’Auditorium Gaber di palazzo Pirelli.

“Sarà una manifestazione molto equilibrata perché, vista la situazione, siamo moderatamente ottimisti: il governo si è impegnato a rivedere i tagli”, sosteneva ieri Osvaldo Napoli, vicepresidente dell’Anci e deputato del Pdl. Quel che intende dire l’onorevole berlusconiano è che si è diffusa la convinzione che la sforbiciata inserita da Berlusconi e Tremonti nella manovra verrà attenuata durante il passaggio parlamentare: i più ottimisti credono che la buona novella possa essere annunciata già a manifestazione in corso. Proprio nelle stesse ore, infatti, ad Arcore il Cavaliere riceverà Bossi e Tremonti per raggiungere l’accordo su alcuni emendamenti da presentare in Senato proprio sui tagli a comuni e regioni e sul contributo di solidarietà (alle 15, peraltro, una delegazione dell’Anci dovrebbe incontrare il ministro Maroni).

Discorso diverso invece per i piccoli comuni e le province: nel decreto per i primi si prevede la cancellazione di quelli sotto i mille abitanti, per le seconde sotto i 300mila. Siccome, però, il governo non aveva previsto risparmi da questa operazione eliminare quella parte del testo o modificarla è un fatto di pura volontà ed è da considerarsi già fatto: i piccoli comuni, alla fine, dovrebbero salvarsi, seppure accorpando i servizi per quelli sotto i 3mila abitanti; per le province invece la linea è “o abolirle tutte o niente” e, siccome la Lega è contraria, niente (o meglio un ddl costituzionale, che è uguale).

Quanto a tagli e contributo di solidarietà, invece, la faccenda è parecchio complicata, come spesso succede non appena si esca dalla chiacchiera estiva per passare ai numeri. Questi due provvedimenti, infatti, sono circa il 25% della manovra da 55 miliardi approvata dal governo a ferragosto: a 9 miliardi tra 2012 e 2013 ammontano i mancati trasferimenti alle autonomie locali e in 674 milioni l’anno prossimo e 1,5 miliardi nei due successivi è calcolato il gettito della superIrpef. Insomma, come si vede, la mazzata vera è per gli enti locali, anche perché i tagli di ferragosto vanno a sommarsi a quelli previsti dalle manovre del 2010 e di luglio 2011.

A regioni ed enti locali – a regime, cioè nel 2013-2014 – sono stati sottratti in tutto oltre 15 miliardi di euro, l’11% del costo dell’intero sistema delle autonomie: le regioni “normali” avranno 6,1 miliardi in meno, le regioni a statuto speciale tre miliardi, i comuni 4,5 e le province 1,3 miliardi. All’importo rilevantissimo si somma la velocità dei risparmi previsti: l’ultima manovra, infatti, sottrae già dal prossimo gennaio 1,7 miliardi ai comuni, 0,7 alle province, due miliardi alle regioni speciali e 1,6 a quelle ordinarie (da sommare ai tagli del 2010 ovviamente). Per sindaci e governatori la strada è obbligata: taglio ai servizi e\o aumento delle tasse locali. Uno studio del Sole 24 Ore calcola il danno fiscale in mille euro a famiglia in media nell’ipotesi peggiore e, se le parole hanno un senso, il governo ha già scelto questa via: nel decreto è prevista per comuni e regioni proprio la possibilità di aumentare le loro addizionali. Non ci sono solo i mancati trasferimenti a fare sfracelli, ha spiegato però Roberto Formigoni, vanno calcolati anche i vincoli del patto di stabilità interno: “La somma complessiva – ha spiegato il presidente della Lombardia – ammonta a 104,75 miliardi, di cui 25,5 a carico dello Stato (24,34%), 60,45 a carico delle Regioni (57,7%), 4,1 a carico delle Province (3,91%) e 14,7 a carico dei Comuni (14,03%)”.

Ecco perché i sindaci – e qualche governatore – sono oggi in piazza a Milano ed ecco perché trovare un accordo che recuperi una decina di miliardi non sembra così facile. Ad Arcore ci sono sul tavolo sostanzialmente tre ipotesi: esclusi gli interventi sull’età pensionabile, Bossi è irremovibile, restano una rimodulazione del contributo di solidarietà (solo il 5% e sopra i 200mila euro), una sorta di patrimoniale anti-evasione proposta dalla Lega e l’aumento dell’Iva. L’idea del Carroccio è di far pagare una sorta di extra fino al 5% dell’intero patrimonio a chi abbia proprietà incompatibili col suo 730: secondo Calderoli e Giorgetti se ne possono ricavare 5 o 7 miliardi, ma ad alcuni tecnici di area PdL il gettito pare aleatorio. Dall’aumento dell’Iva dal 20 al 21% – lasciando immutate le aliquote del 4 e 10% – potrebbero arrivare invece fino a cinque miliardi. E qui però c’è un problema: quei soldi servirebbero – a stare alla delega fiscale – per abbassare l’Irpef (le famose tre aliquote), senza contare che l’Iva già aumenterà per effetto della falce che Tremonti ha usato sulle agevolazioni, detrazioni e deduzioni fiscali. Per questo nella maggioranza continua la battaglia interna e per questo la seggiola di Giulio Tremonti – contrario a qualsiasi modifica radicale della sua manovra – è assai pericolante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Così la Lega ha legato l’Italia

prev
Articolo Successivo

Da Bagnasco appello a chi ha responsabilità pubbliche: “Grave questione morale”

next