Viaggiare attraverso lo spazio e il tempo perdendosi tra immagini in bianco e nero, storie, volti, scene, paesaggi, città e immediati e dinamici confronti tra passato e futuro. Tutto questo è Historypin, splendido progetto realizzato da We Are What We Do in partnership con Google.

In poche parole si tratta di una piattaforma digitale nella quale, in maniera del tutto simile a Google Maps e StreetView, è possibile girovagare per il pianeta: qui tuttavia c’è qualcosa in più. Gli utenti registrati possono caricare fotografie e aggiungere storie legate agli scatti caricati. Inoltre, grazie alla tecnologia di Google, è possibile vedere l’immagine d’epoca “montata” sullo scenario contemporaneo e sfumando si ottiene un confronto immediato tra passato e presente. Si possono creare tour, slideshow e molto altro.

Tuttavia, anche senza contribuire in modo diretto con il caricamento di foto, il progetto è davvero piacevole: è sufficiente infatti scegliere luogo, parola chiave e periodo preferito nella barra del tempo (dal 1840 a oggi) e sarete pronti a partire per un viaggio fatto di immagini e storie! Ecco qui un breve video di presentazione:

Il team che cura la piattaforma ha inoltre realizzato dei tour davvero spettacolari (Qui trovate quello dedicato alla Beatlemania!), nei quali si mescolano audio, foto e testi di approfondimento.
Il progetto è stato lanciato in versione di prova nel corso del 2010, ma solo a metà luglio 2011 è stato pubblicato online nella sua versione più aggiornata.

Uno strumento per scoprire la storia di luoghi, persone e momenti storici: tra i principali protagonisti che hanno aderito al progetto ci sono già oltre 100 istituzioni tra musei, gallerie, archivi e biblioteche.

Clicca qui per ingrandire l’immagine

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sì ai McDonald’s,
no ai Kebab

next
Articolo Successivo

Le vacanze ai tempi dei social media

next