La campagna di terrorismo nei confronti di Pisapia assume sempre più una connotazione grottesca: zingari che costruiscono baracche nei nostri giardini arredandoli con mobili Ikea, moschee costruite al posto dei centri commerciali (e chi la trova più la lonza di maiale) vigilesse in gonnellone a fiori al posto della divisa e vigili di quartiere col cilum al posto della paletta, parrucchieri gay che si rifiutano di pettinare la Moratti e si sposano davanti al sindaco, minando l’idea della famiglia tradizionale che B. rappresenta come icona vivente.

Ho pregato mia madre di stare molto attenta e di non inciampare mentre fa la spesa al mercato: la dipingerebbero subito vittima di nugoli di energumeni dei centri sociali che stavano saccheggiando la Lidl.

Di fronte a questo scenario delirante e menzognero, non si sa se incazzarsi o ridere: noi ancora una volta ci auguriamo: “sarà una risata che vi seppellirà”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quando Red Ronnie difendeva
gli autonomi dei centri sociali

next
Articolo Successivo

Nucleare, fiducia sul decreto Omnibus
Domani il via alla discussione in aula

next