Il sogno di un contratto a tempo indeterminato che si realizza, ma ora lo spettro del ritorno al precariato a 3 euro l’ora. E’ quello che stanno vivendo centinaia di dipendenti di Teleperformance, il colosso francese specializzato nei call center per aziende come: Vodafone, Alitalia, Eni, Enel, Sky e Mediaset. L’azienda, infatti, ha annunciato un piano di ristrutturazione che prevede oltre 700 esuberi solo tra Taranto e provincia, ma che si raddoppiano con quelli previsti per Roma. Molti servizi verranno delocalizzati in Albania. Teleperformance per legge si è dovuta adeguare alla direttiva del 2006 dell’ex ministro del Lavoro di centrosinistra, Cesare Damiano, e ha trasformato i rapporti di lavoro a tempo determinato in contratti stabili. Ora, però, la società dice di essere poco competitiva con quelle aziende che offrono costi stracciati e si ritorna così, grazie anche alle norme varate dal governo, ai contratti a progetto. Tutto a partire dal prossimo primo luglio. “Berlusconi – dichiara l’on. Damiano – vuole ‘delocalizzare’ i ministeri e non si rende conto che è il problema dei precari che per primo deve essere trattato”. Nel tarantino le aziende che si occupano di servizi al call center sono in alcune zone l’unica vera risorsa lavorativa per i giovani in una città, Taranto, che su 500mila abitanti conta circa 70mila disoccupati.
Servizio di David Perluigi, montaggio Paolo Dimalio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il popolo dei call center tunisini

prev
Articolo Successivo

Adolf Hitler commenta le elezioni di Milano

next