“Mi fanno i complimenti, ma credono tutti che sia un bluff”. Luca Mangoni, il simpatico architetto da sempre amico degli Elio e le storie tese, è costretto a chiarire: “La mia candidatura al comune di Milano è reale, anzi – spiega  – mi candido per diventare il prossimo assessore alla cultura”. E fugato ogni dubbio, il candidato della lista creata da Milly Moratti, dopo i video pubblicati su YouTube (leggi), si racconta con qualche stoccata al sindaco uscente e l’ironia che non può mancare, perché, aggiunge Mangoni, “l’ironia è una cosa serissima”. di Franz Baraggino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

L’over 60 Moratti contro l’under 25 Calise

next
Articolo Successivo

Letizia chiude in verde

next