Alla presentazione del libro di Marianna Madia “Precari. Storia di un’Italia che lavora”, il ministro dell’economia GiulioTremonti invita tutti a non guardare la realtà in maniera catastrofica. Ed esalta le scelte fatte dal governo, in tempo di crisi. Il ministro tiene una lezione di storia economica. Parla di tutto, della riforma fiscale, della patrimoniale, dei bonus ai manager, della competizione con i paesi asiatici e dell’importanza dell’inglese. E sviluppa la sua idea: quella di imparare le lingue attraverso la televisione. “Meno varietà, più programmi culturali” dice il ministro, suscitando qualche risata tra il pubblico per il suo legame con il Biscione, re della televisione commerciale. Ridono anche il segretario generale della Cgil Susanna Camusso e la giornalista Lucia Annunziata. ” Il ministro ha parlato di tutto, ma non ha pronunciato nemmeno una singola volta la parola precari“, afferma la giornalista di “In mezz’ora”.
Servizio di Irene Buscemi e di Stefano Feltri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi: “Sono l’editore più libero del mondo”

prev
Articolo Successivo

Tremonti a Feltri (Il Fatto): “Per una volta faccia una domanda normale”

next