Dopo tre anni riparte il dialogo sulla Tav tra governo ed enti locali. Ma al tavolo di Palazzo Chigi, siedono solo 8 dei 20 sindaci interessati dalla linea ferroviaria e 5 di loro sono pro-tav. Gli altri? In piazza, a spiegare il loro no all’Alta velocità. Il sindaco di Torino Sergio Chiamparino (Pd) sta col governo “Si saranno seguite le regole democratiche di rappresentanza”. Sandro Plano, presidente della Comunità montana della bassa Val di Susa, risponde così: “L’esecutivo dice che è stato deciso di convocare i rappresentanti di un comune per ognuna delle zone in cui è diviso il percorso. Ma ci sono amministrazioni come Claviere, Giaveno e Condove che o non sono toccati dal percorso o lo sono solo di striscio”.
Servizio di David Perluigi, riprese e montaggio di Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Chiamparino ai sindaci no-Tav esclusi da Palazzo Chigi: “E’ la democrazia rappresentativa”

next
Articolo Successivo

Grillo: “Rubiamo voti alla sinistra? Perdenti”

next