Sono arrivati stamane a Montecitorio con il loro carico di dolore e rabbia. Sono i comitati delle vittime delle stragi di Viareggio (32 morti), dei terremotati dell’Aquila (309 morti), del Moby Prince (140 morti), dei morti sul lavoro, chiedono giustizia per quei cari, quelle vittime che non hanno ancora un colpevole. Pretendono che gli impuniti abbiano un nome, un volto e una sentenza. Protestano contro la norma sulla prescrizione breve. Manifestano a centinaia, in piazza, mentre alla Camera si vota quel provvedimento che accorciando i tempi della prescrizione rischia di far saltare l’udienza sui disastri colposi che li ha toccati direttamente. “Stragi come queste hanno bisogno di giustizia, non della prescrizione che salva solo e sempre i potenti e tra questi il nostro Capo del Governo” . Intanto il sottosegretario alla Pcm, Daniela Santanchè, ai microfoni de ilfattoquotidiano.it dichiara: “Ma basta con quest’ossessione di Berlusconi e delle leggi ad personam, questa legge incide solo sullo 0,2% dei processi, voi giornalisti mirate solo da una parte e per una parte politica”.
Servizio di David Perluigi, riprese e montaggio Paolo Dimalio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beha: “L’ombra della prescrizione su Calciopoli”

prev
Articolo Successivo

Sgarbi delira vs Il Fatto

next