La Germania ha deciso di chiudere due centrali nucleari e di sospendere  per tre mesi la decisione del previsto prolungamento della vita dei 17 impianti nucleari tedeschi alla luce del disastro di Fukushima, in Giappone. Lo ha annunciato Angela Merkel, insieme al ministro degli Esteri, Guido Westerwelle.

La moratoria sulla decisione di allungare la vita degli impianti, ha spiegato la Merkel, servirà a effettuare “senza tabù, un’ampia verifica della sicurezza degli impianti nucleari” in Germania. La Merkel ha comunque ribadito la sua posizione, secondo cui l’energia nucleare resta “una tecnologia ponte” in attesa di sviluppare ulteriormente il settore delle fonti rinnovabili. L’unica risposta a questa situazione, ha sottolineato, è che “il passaggio all’era dell’energia rinnovabile è un obbligo che ha la massima priorità”.

Intanto gli impianti nucleari tedeschi più vecchi, che attualmente sono rimasti aperti solo in seguito alla decisione di prolungare la vita di tutte le centrali, chiuderanno subito. Sono i due siti che si trovano in Assia e nel Baden-Wuettemberg.

Ecco la puntata di Presadiretta su Rai3 di settembre 2010 che trattava proprio l’argomento delle centrali nucleari tedesche

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I giapponesi si confrontano sul web
“Gli scaffali sono vuoti, è corsa al cibo”

prev
Articolo Successivo

Giappone, l’imperatore appare in tv. Scuole adibite a obitori. Miyagi, 20mila dispersi

next