Berlusconi e Alfano presentano la riforma della giustizia. Il presidente del Consiglio esordisce scusandosi per il cerotto sul volto, poi alla domanda di una cronista su quanto c’entri questa riforma col caso Ruby, il Cav risponde: “Zero! Lo dico sui miei figli, non mi sono mai interessato ai miei processi da politico” poi ha aggiunto “sono sempre stato assolto nei processi e lavorerò anche la domenica per difendermi da questi ultimi 5 o 6 che mi vedono coinvolto, andrò in aula per raccontare come stanno veramente le cose”. Per il premier, inoltre, se la riforma fosse stata approvata vent’anni fa non ci sarebbe stata Tangentopoli: “Non ci sarebbe stato l’annullamento di un’intera classe dirigente nel ’92-’93, l’abbattimento di un governo eletto dai cittadini nel ’94, la caduta del governo di centrosinistra sulla riforma Mastella e il tentativo attuale di eliminare per via giudiziaria il governo in carica“.
Riprese David Perluigi, montaggio Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Non ho l’età

next
Articolo Successivo

Facci e Travaglio, il confronto sulla riforma della giustizia

next