Una commissione d’inchiesta sulle “truffe elettorali”. E’ quello che hanno chiesto i radicali Mario Staderini e Marco Cappato, protagonisti di un’incursione nell’aula del Consiglio regionale Lombardo per avere chiarezza sulle presunte irregolarità nella raccolta delle firme per presentare il listino di Roberto Formigoni alle ultime regionali. “Presidente Boni – ha gridato Cappato dalla balconata riservata al pubblico – lo scandalo non è Minetti, ma ‘Firmigoni’. Si dimetta”. Allontanati dal personale d’aula, i radicali hanno continuato la protesta con un presidio di fronte alla sede della Regione. “Sono cose che abbiamo denunciato un anno fa – spiega ancora Cappato – queste lungaggini dimostrano quanto sia grande il potere di Formigoni in Lombardia”. Presenti al presidio anche i consiglieri Giulio Cavalli dell’Italia dei valori e Giuseppe Civati del Pd  di Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Emergenza frane a Reggio Calabria: due morti

prev
Articolo Successivo

Milano Nuova, lista multietnica per le comunali

next