A giudicare Berlusconi saranno tre giudici donne. Una “nemesi” secondo il settimanale cattolico Famiglia Cristiana. Che sul suo sito lancia un sondaggio, in cui più della metà dei lettori chiede le dimissioni del premier. Mentre il presidente della Cei Angelo Bagnasco parla “necessità di trasparenza a tutti i livelli”.

“Allora, la sentenza in mano a tre signore. Viene subito in mente la nemesi. Tu, Berlusconi, delle donne ti sei servito, e in malo modo; le stesse donne faranno giustizia”. E’ questo il commento alla notizia del rito immediato per Berlusconi, che Famiglia Cristiana affida a un editoriale on line. “Con l’aria che tira – si legge nel testo – la notizia non è il rinvio a giudizio immediato. E’ la composizione del collegio giudicante: tre donne. Che Berlusconi dovesse andare a processo era sontato”.

“Che poi – continua l’articolo firmato da Giorgio Vecchiato – la composizione del collegio giudicante sia un caso, o risponda a una intenzione punitiva, i Tg di oggi e la stampa di domani daranno fiato alle trombe della polemica. Se però dobbiamo esprimere un parere, ha torto chi pensa a un esito già scritto. Per questo, basta vedere come si sono espresse le stesse donne, illustri o ignote, competenti o solo volonterose, in articoli e interviste su tutti i giornali italiani”.

E sulle ultime vicende che coinvolgono il premier è intervenuto anche il presidente della Cei Bagnasco. Che, senza fare esplicito riferimento al rinvio a giudizio deciso dal gip di milano, ha detto: “La trasparenza è un bene da perseguire sempre a tutti i livelli per il bene del Paese. La trasparenza è un valore che tutti desiderano e che fa parte di una cultura dignitosa”.

Sulla homepage del sito Internet del settimanale cattolico è stato poi lanciato un sondaggio: “Berlusconi a processo: dovrebbe dimettersi?”. La risposta, per la maggioranza è sì. Quando hanno votato 4.160 lettori il 97,8% si è espresso perché il presidente del Consiglio lasci l’incarico. Poi la percentuale scende al 56,5% quando a votare sono stati in 14.974.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi a processo, la notizia
fa il giro del mondo

prev
Articolo Successivo

Signorina signoraggio

next