In questi giorni sto leggendo molto e trovo che una parte eccessivamente grande dell’informazione disponibile è solo rumore di fondo.

Invece una frase alla fine dell’articolo del Fatto del 3 febbraio sulle scuse di Spatuzza ai familiari delle vittime è, come dire, folgorante nella sua capacità di fotografare l’Italia di inizio 2011. Già il fatto che qualcuno chieda scusa sarebbe notizia da prima pagina. Ma riporto la frase in questione, attribuita alla presidente dell’associazione di via dei Georgofili:

“In questo Paese ci si accapiglia per le escort, e non si parla delle stragi”
.

Fulminante. Non c’è niente da aggiungere.

Disclaimer: Come riportato nella bio, il contenuto di questo e degli altri post del mio blog è frutto di opinioni personali e non impegna in alcun modo la Commissione europea.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aridatece le videocassette

next
Articolo Successivo

Se questo è un conduttore

next