Una lettera di minacce contro il pm milanese, Ilda Bocassini, è stata recapitata ieri mattina alla redazione de Il Resto del Carlino in via Enrico Mattei. “Farai una brutta fine, morirai in un rogo, un fuoco rosso come la tua toga”, si legge nella missiva. Il documento, scritto a mano su un foglio quadrettato, era contenuto in una busta rossa smistata lo scorso 28 gennaio al Cmp di Via Zanardi. Il plico era privo di mittente e senza firma, con una intestazione scritta in stampatello “Fuan” , come il movimento universitario del vecchio Msi. Nessun riferimento al caso Ruby, dice ancora ma solo insulti. Sul fatto indaga la Digos.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caso Ruby, giovedì voto alla Camera su autorizzazione

prev
Articolo Successivo

Famiglia Cristiana: “Paese spaccato. Una crisi di natura personale, causata dal premier”

next