di Caterina Soffici*

Dopo due anni dalla laurea, un giovane inglese su cinque è ancora in cerca di lavoro. Il Times di oggi riferisce i dati dell’Ufficio nazionale di statistica con preoccupazione e spiega come  la crisi economica colpisca più i laureati che gli altri lavoratori. Dal 2008, anno dell’inizio della grande recessione al 2010, è infatti raddoppiato il numero di neolaureati disoccupati. Prima erano uno su dieci, ora sono il doppio.

Proviamo a portare le stesse cifre in Italia: se da noi, dopo due anni dalla laurea, quattro giovani su cinque avessero un lavoro, ci sarebbe da brindare e festeggiare per mesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fino a qui tutto bene

next
Articolo Successivo

Fiom, mobilitazione in tutta Italia
A Roma la protesta dei Cobas

next