Se non bastassero le grane dei voltagabbana in parlamento, sull’Italia dei Valori si abbatte un’altra tegola. Il consigliere comunale di Acerra Fausto La Montagna, noto per le battaglie contro l’inceneritore voluto da Berlusconi e Bertolaso, ieri è stato condannato in primo a grado a nove mesi per omicidio colposo dal tribunale di Modena.

Si tratta di un caso di morte bianca. Che riguarda un operaio della ditta edile di La Montagna, titolare di un subappalto in un cantiere della Tav di Castelfranco Emilia, sulla linea Milano-Bologna. Nel maggio 2004 un consorzio di grandi aziende come Pizzarotti di Parma, Snamprogetti e Acquater del gruppo Eniad si aggiudica le commesse per realizzare i 40 chilometri dell’alta velocità modenese. Le stesse, costituitesi nella Modena scarl, affidano la costruzione della moderna galleria di Castelfranco a un’associazione temporanea di imprese. Mario Laurenza, carpentiere napoletano della Pos.fer dei fratelli La Montagna, rimane folgorato nel cantiere, mentre lavora vicino ai fili dell’alta tensione. Ha 37 anni, lascia moglie e due figli piccoli. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri e dal servizio prevenzione dell’Asl di Modena, non sono state osservate le norme di sicurezza sul lavoro.

Dopo sei anni, tredici udienze e una battaglia di perizie tra l’ingegner Fornero per l’accusa e il collega Forghieri per la difesa, ora è arrivata la sentenza: i giudici hanno inflitto una pena di nove mesi con la condizionale anche al delegato alla sicurezza della Modena scarl, Paolo Salvetti, e al coordinatore Giampiero De Michelis, mentre hanno assolto Massimo La Montagna, mero intestatario della Pos.fer. Il fratello Fausto, eletto lo scorso anno consigliere comunale ad Acerra e, fino all’uscita dell’Idv dalla Giunta di centrosinistra, presidente della Commissione permanente Bilancio e Risorse Umane, promette battaglia in appello: “Noi siamo stati chiamati da quelle grandi imprese, non abbiamo progettato la sicurezza dei luoghi. Intendo informare Di Pietro dell’accaduto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Russa aggredisce un cronista del Fatto

prev
Articolo Successivo

Blitz antimafia a Cosenza, dietro le sbarre anche ex senatore Udeur

next