Questa intervista è stata rilasciata nel gennaio 2009, da Maria Luisa Bevacqua, cassiere della Feas, Federazione emigrati abruzzesi in Svizzera al direttore del Settimanale svizzero “La Pagina” Massimo Pillera (ex portavoce di Antonio Razzi, deputato dell’Idv). Nel colloquio si parla di “responsabilità” di Razzi, presidente delll’associazione Feas fino al 2007, sulla vicenda dei fondi della Regione Abruzzo per l’alluvione del 2005 a Lucerna e sull’uso personale dei fondi ricavati dall’associazione in attività senza fine di lucro. Il quadro, appunto, emerge dal racconto della cassiera subentrata alla precedente gestione Razzi. L’associazione ha avviato un procedimento penale in Svizzera che secondo fonti consolari è tuttora in corso.

“I soldi dell’Abruzzo per l’associazione li ha presi lui” by ilfattoquotidiano.it

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Fiducia, il fronte di Fli si sta spaccando. Silvano Moffa pronto all’astensione

next
Articolo Successivo

Vale la pena di sperare

next