“Se votano tutti, fermo restando le assenze annunciate, ci saranno 314 voti per il governo e 313 contrari”. Lo dice il deputato Pdl Mario Pepe ai microfoni di Corriere.it. Gli risponde Renzo Lusetti (Udc): “Temo che con gli ultimi acquisti fatti dal Pdl nella compravendita, il risultato possa essere questo. Penso comunque che ci possa essere un ripensamento da parte di qualcuno”. La grande incognita sono i radicali di Pannella, eletti nel 2008 con il Pd. Proprio Pepe ammette di essere uno dei “pontieri” in trattativa con la pattuglia radicale. Ma questi passaggi tra uno schieramento e l’altro sono un’eccezione o un’abitudine dei momenti politici più delicati? Segui il dibattito e commenta qui sotto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Napolitano: “Per il bene del Paese bisogna allentare le tensioni”

next
Articolo Successivo

L’agenda del voto di fiducia

next