Wafaa Bilal, professore di fotografia alla New York University

Il professore di fotografia della New York University Wafaa Bilal, origini irachene, non è nuovo a certi esperimenti. La sua ultima trovata si chiama The Third I, “il terzo io”.

Per mettere in pratica la sua idea si è resa necessaria un’operazione chirurgica di tre ore, durante le quali è stata impiantata una placca magnetica nella nuca del professore. Su quella superficie sottocutanea Bilal posizionerà una fotocamera per inquadrare e scattare ogni minuto di ciò che avviene alle sue spalle.

Il nome The Third I non è scelto a caso. In inglese suona esattamente come “The Third Eye”, ovvero il terzo occhio, che nella meditazione trascendentale è la fonte dell’intuito e trova posto all’altezza della ghiandola pineale, pressapoco al centro della fronte di ciascun individuo.

Sebbene la posizione non sia stata rispettata, l’esperimento di questo docente porterà sicuramente a dei risultati interessanti.

Le foto scattate ogni giorno (e ogni notte), verranno inviate in tempo reale all’Accademia delle Arti moderne del Qatar Mathaf: Arab Museum of Modern Art. Il museo ha giustificato l’opera come un omaggio all’inaccessibilità del tempo, all’impossibilità di un essere vivente di catturare completamente la memoria e l’esperienza di ogni singolo momento.

Non sono mancate le polemiche riguardo la privacy degli studenti e delle persone che inconsapevolmente saranno immortalate durante l’esperimento. A tale riguardo la New York University sta studiando un modo per evitare che la macchina fotografica sia utilizzata all’interno delle proprie strutture.

Tutela della privacy a parte, sono in molti che pensano come l’esperimento sia troppo invasivo. L’opinione più diffusa è che il tutto sarebbe funzionato allo stesso modo se la microcamera fosse stata posizionata su un berretto o una giacca.

Nel frattempo si attende l’apertura del museo mediorientale, in programma per i prossimi giorni. Il sito su cui osservare ciò che scatterà The Third I è già online a questo indirizzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le chiese di Roma sbarcano sull’iPhone
Grazie all’applicazione iRChurches

next
Articolo Successivo

Progetto Sartre, contro traffico ed emissioni
la Ue vuole la macchina che si guida da sola

next