Al grido di “Licenziamolo”, rivolto a Berlusconi, il Popolo viola riempie la storica piazza romana per il No B.Day 2. Dopo un corteo lungo tre chilometri, dove non è mancata anche qualche polemica quando un gruppo locale del Popolo Viola di Torino ha contestato agli organizzatori romani che alla testa del corteo c’erano troppe bandiere ed esponenti dell’Idv di Di Pietro, tutto poi si è ricomposto e decine di migliaia di persone hanno riempito piazza San Giovanni. 10 mila secondo la Questura, 500mila secondo gli organizzatori, certo è che i pullman, tantissimi, e la lunghezza del corteo fanno immaginare che la mobilitazione è stata un successo. Costituzione, lavoro, informazione, questi i temi del dibattitto enunciati dai tanti ospiti intervenuti sul palco. Da Salvatore Borsellino, Ernesto Nassi dell’Anpi, Luca Telese, Stefano Rodotà, Paul Ginsborg, solo per citarne alcuni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Politici e tv: ‘Si nota di più se vengo o se non vengo?’

prev
Articolo Successivo

Minzoparade: vincono le pompette (salvavino)

next