Forse finirà la polemica nata dalla sua battuta ora che Umberto Bossi china il capo e chiede venia: “Chiedo scusa ai cittadini se ho offeso qualcuno”, ha detto stamane in Senato. Ha precisato però che sulle sue parole ci sono state “strumentalizzazioni politiche”. Lo ha detto ai cronisti uscendo da Palazzo Madama. Sulle sue parole è stata presentata una mozione di sfiducia individuale nei suoi confronti.

La sua battuta “Sono porci questi romani” ha procurato problemi tra le mura di casa Bossi, ha rivelato il “Trota”, Renzo Bossi a Rds: sua madre, la signora Manuela Marrone Bossi, è una “sorcina” di antica data, cioè una fan di Renato Zero. Impegnato in una campagna di spiegazioni diplomatiche, Bossi jr ha rubricato a “battuta senza malizia”: “Eravamo a una selezione di Miss Padania. Io poi mi trovo bene a Roma. I romani sono simpaticissimi e quando prendo il taxi mi diverto tanto a parlare e a farmi una chiacchierata: questo io l’ho già detto ad agosto e lo riconfermo. Anzi mia mamma è una sorcina”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giganti sulle spalle dei nani

next
Articolo Successivo

Bersani alla riscossa

next