Hanno il volto coperto e sono armati di pistola. Alcuni uomini (di cui ancora non si sanno le generalità) decidono di assaltare due autocompattatori incolonnati (insieme ad altri 30) in attesa di sversare la spazzatura nella discarica. Eppure la colonna era scortata dalla polizia sia in testa che in coda. E’ successo la scorsa notte a San Giuseppe Vesuviano. A pochi chilometri da Napoli, nuovamente sommersa dai rifiuti. “E’ vergognoso” commenta il sindaco di Quarto, Sauro Fecone.

I due camion bloccati appartengono alla ‘Quarto Multiservizi‘. Nell’autocolonna si trovavano autocompattatori di varie aziende e città. Non si sa se la scelta dei due camion che servono la città di Quarto (Napoli) sia stata casuale oppure mirata. “Chiediamo al ministro dell’Interno Roberto Maroni – aggiunge Fecone – di garantire l’incolumità dei lavoratori che ogni notte rischiano la vita solo per compiere il loro dovere, conferendo in discarica i rifiuti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Studio legale camorra, la zona grigia
che fa affari con il clan dei Casalesi

prev
Articolo Successivo

Cinque Terre, nelle intercettazioni i finanziamenti e il rustico di Brunetta

next