Umberto Bossi da’ dei porci ai romani, mentre tedeschi e anglosassoni danno dei Piigs a portoghesi, italiani, irlandesi, greci e spagnoli.

Bossi dice che scherzava (SPQR), mentre le aste dei titoli di Stato dei Piigs dicono che non c’è troppo da scherzare. Irlandesi, portoghesi, spagnoli e naturalmente greci sono quelli che se la passano peggio. Sono costretti ad offrire più interesse perché i creditori non si fidano.

Le aste italiane vanno meglio, ma perché i titoli li comprano soprattutto le banche. Anzi solo le banche quando si parla di Bot. Con quei rendimenti (bassi) non c’è da stupirsi.

Ma ecco che arriva la mia domanda: Irlanda, Portogallo e Grecia possono farcela o si arrenderanno e dovranno affrontare la ristrutturazione del loro debito?

Magari dopo un “bel” default pilotato, dalla Germania. L’Italia è davvero al riparo dai problemi finanziari?

Bossi e la Merkel si somigliano?

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

MORTE DEI PASCHI

di Elio Lannutti e Franco Fracassi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Interventi immediati, o “si rischia una carneficina sociale, non solo in Italia”

next
Articolo Successivo

Stati Uniti, la sentenza della Corte suprema che salva la British petroleum

next