Il 15 ottobre 2009, Claudio Brachino manda in onda un servizio firmato da Annalisa Spinoso in cui viene deriso Raimondo Mesiano, allora giudice del Tribunale di Milano. Il magistrato pochi giorni prima aveva emesso in sede civile una sentenza di risarcimento danni di 750 milioni di euro a carico di Fininvest.
Per quel servizio, il giornalista venne sanzionato con due mesi di sospensione dall’ Ordine dei giornalisti della Lombardia per violazione delcodice deontologico e della legge sulla privacy. Analoga sanzione venne comminata, sempre dall’Ordine della Sicilia, a chi aveva firmato e commentato le immagini di Mesiano, la giornalista Annalisa Spinoso.

Video di Brachino a “Controcanto” a Mesiano

Il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia aveva giudicato il mancato rispetto delle leggi deontologiche e la violazione della privacy (gia’rilevata dal Garante) ”al fine di screditare la reputazione del protagonista del video e delegittimare agli occhi dell’opinione pubblica la sentenza da lui emessa in precedenza nei confronti di Fininvest”. Grazie all’accostamento con immagini ”non essenziali e prive in se’ di interesse pubblico in quanto notizia”, il servizio ”ha prodotto un effetto diffamatorio nel suo insinuare presunte stravaganze e stranezze del personaggio, fino a sfiorare il vero e proprio dileggio. Immagini non essenziali (addirittura il colore dei calzini) costituiscono l’unico contenuto del servizio e sono sostenute da un commento ‘a mo’ di gossip”’.”Risulta quanto meno fuorviante – conclude l’Ordine dei giornalisti – alimentare dubbi sulle inchieste di un giudice in virtu’ della scelta del colore dei suoi calzini”.

Video di “scuse” di Brachino a Mesiano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caso Boffo, Vittorio Feltri verso
la sospensione dall’ordine dei giornalisti

next
Articolo Successivo

Vittorio Feltri visto da vicino

next