Secondo la nota dinamica, il sollievo viene dopo lo sforzo, il vuoto dopo il pieno e prima di un altro pieno. L’allegria quando sei sereno. Il riposo dopo il lavoro. Spendere dopo aver guadagnato.

Un godibile presente quando il futuro non ti angoscia.

E allora la domanda è: come andranno in vacanza quest’anno, la maggior parte degli italiani?

Tutti i disoccupati, i precari, i contratti a termine non rinnovati, i cassintegrati, tutti i “tagliati” della scuola, della cultura, dello spettacolo: con che spirito si apprestano al viaggetto, alla villeggiatura, allo spostamento?

Con che spirito, con che umore, con che soldi?

Certo che “la vacanza” è un bisogno indotto. Come tanti altri. Ma possiamo farne a meno? Più la quotidianità ti impantana in un vischioso malumore, fatto di attesa e di preoccupazione e più forte senti il bisogno di chiamarti fuori, magari soltanto per una settimana, cambiare scenario, cambiare aria, cambiare rituali.

E poi: ad agosto l’Italia si ferma. Il telefono non squilla, i negozi chiudono. Ti senti strano a non partecipare alla fuga generale. E’ come restare indietro, mentre le truppe spostano il loro volume di fuoco sui misteriosi avamposti marini. O montani.

O delle “città d’arte”.

E’ la dittatura del consumo, cascame degli ormai lontani “beati anni del benessere”?

Oppure è una necessità primaria, la vacanza, proprio quando tutto sembra sul punto di deflagrare. Dunque: la classe dirigente ha mostrato il peggio di sé per tutta la stagione trascorsa (autunno/inverno e maledetta primavera) l’opposizione pesta l’acqua nel mortaio e trovare un appiglio per ricominciare a progettare pare impossibile. Che cosa ci resta da fare?

Forse proprio soltanto partire.

Portare la povertà in vacanza.

Per esempio: riprendere a viaggiare in autostop.

Inalberare questo cartello: “Crisi economica. Mi dai un passaggio?”

Lasciarsi portare dove va la macchina che si ferma. E poi quella dopo, e poi quella dopo…

Arrivati ad un luogo di gradimento: sistemarsi col sacco a pelo in una spiaggia, in un parco, in un bosco.

Inalberare questo cartello. “Crisi economica: e per tetto un cielo di stelle”

Si tratta di una condizione condivisa. Fornelletti da campo, pane e prosciutto, sole, nuotare. La spiaggia è di tutti. E così il mare. Non costa. Forse, on the road, si può ritrovare perfino un po’ di solidarietà. Un qualche noi. Magari: noi poveri.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

C’eravamo tanto amati

next
Articolo Successivo

Fiat inventa gli operai di serie b
E’ ufficiale: a Pomigliano arriva la “newco”

next