Paolo Ruffini resta alla direzione di Rai Tre. Il tribunale del lavoro di Roma ha respinto il reclamo della Rai contro il reintegro del numero uno della terza rete di viale Mazzini. “Una decisione che non mi sorprende, mi rende felice ma soprattutto dimostra che avevo ragione”, ha commentato.

Ruffini era stato reintegrato il 28 maggio alla direzione di Raitre dal giudice del lavoro del tribunale di Roma che aveva accolto il ricorso del giornalista. L’ordinanza aveva definito “illegittima” la sua sostituzione al vertice della rete, frutto di “discriminazione”, causa di “demansionamento” e “danno irreparabile”. La Rai aveva subito annunciato ricorso contro la decisione: in particolare, il direttore generale Mauro Masi, davanti alla commissione di Vigilanza, aveva definito l’ordinanza del reintegro “totalmente infondata in fatto e in diritto”, sottolineando che nel caso di Ruffini non c’era stata “alcuna rimozione”, bensì un “normale avvicendamento aziendale”. L’8 giugno il consiglio di amministrazione della Rai aveva poi deciso all’unanimità, dopo aver considerato il parere dei legali dell’azienda (gli stessi che avevano inoltrato ricorso) il reintegro di Ruffini alla guida di Raitre, ma con “ogni più ampia riserva all’esito della decisione del reclamo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

B. mette la taglia sui nemici interni

prev
Articolo Successivo

L’Unione europea dice sì a Sky in chiaro

next