Marcia indietrio a metà del Vaticano su Propaganda Fide. Per la prima volta da quando il dicastero vaticano per l’evangelizzazione dei popoli è finito nell’inchiesta sugli affari della “cricca”  la Santa Sede ammette “errori di gestione” del suo patrimonio. La retromarcia è contenuta in una nota diffusa questa mattina in cui si ribadisce che la “Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli svolge un ruolo importante e vitale per l’attività della Santa Sede nel mondo. “La valorizzazione di tale patrimonio – si dice nel testo con riferimento a Propaganda Fide – è naturalmente un compito impegnativo e complesso, che si deve avvalere della consulenza di persone esperte sotto diversi profili professionali e che, come tutte le operazioni finanziarie, può essere esposto anche ad errori di valutazione e alle fluttuazioni del mercato internazionale”. “Cionondimeno – si legge ancora nel comunicato – a testimonianza dello sforzo per una corretta gestione amministrativa e della crescente generosità dei cattolici, tale patrimonio ha continuato ad incrementarsi.

“Al tempo stesso – prosegue il testo – nel corso degli ultimi anni, si è progressivamente fatta strada la consapevolezza della necessità di migliorarne la redditività e, a tale fine, sono state istituite strutture e procedure tese a garantirne una gestione professionale e in linea con gli standard più avanzati”.

Pur non citando direttamente le inchieste la nota richiama “l’identità, il valore e il profondo significato di un’istituzione vitale per la  Santa Sede e per l’intera Chiesa Cattolica, che risponde al comandamento di Gesù: ‘Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creaturà” e aggiunge la necessità di dare al dicastero “una gestione professionale”, in “linea con gli standard più avanzati”, per evitare “gli errori di valutazione” del passato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scontri al G20 nel giorno di apertura

prev
Articolo Successivo

La sentenza Dell’Utri vista dai nostri blogger

next